Domani viene da ieri

Cari amici! Altre buone nuove. Venerdì 22 Aprile nella bellissima Aula Magna dell’Accademia di Belle Arti di Bologna si inaugura una mostra con nostri disegnetti originali che trovate nel libro “Domani viene da ieri”. Il libro è stato un lavoro molto ben curato che ha coinvolto studenti di fumetto e professori dell’Accademia. È stato pubblicato pochi mesi fa da Fausto Lupetti Editore.
La presentazione sarà una bella occasione di riflessione sui fatti accaduti durante la seconda guerra mondiale, in particolare a Bologna e dintorni. L’invito è aperto a tutti.

Il libro di cui si parla lo trovate qui:
http://www.ibs.it/code/9788868741037//domani-viene-ieri.html

 

locandina NULLA FA PENSARE ALLA GUERRA web

“Addio alle Armi” di Hemingway

Per l’anniversario della sconfitta dell’esercito italiano a Caporetto, ecco un estratto a fumetti di “Addio alle Armi”, il bellissimo romanzo di Ernest Hemingway. Ho scelto una scena romantica piuttosto che di azione perché  trovo che crei un contrasto di grande effetto nello scenario in cui Frederic si trova, quando le truppe sono in ritirata verso il Tagliamento. Per di più era interessante rappresentare con dei disegni un’apparizione, quella di Caterine, che nel romanzo è davvero suggestiva.

1AAAdefinitiva
2AAAdefinitiva

3AAAdefinitiva

4AAAdefinitiva

Il paradiso di Zahra

Questo post, dopo tanto tempo che non aggiorno, vuole avere un sapore un po’ diverso dal solito. Raramente scrivo di qualcosa che non siano miei pensieri perché oggi come oggi ci sono poche notizie dal mondo circostante che ti toccano, ti impressionano, ti inteneriscono. Ci sono poche storie, disperse tra un grigio mare infinito, che si distinguono per i loro colori sgargianti, per la loro naturalezza nel venire alla luce. Per la loro incredibile spontaeità. Zahara’s Paradise mi ha sorpreso per questo. A guardarlo così, questo fumetto, non gli avrei dato un grande valore. Non perchè non abbia occhio; ma perchè, francamente, di fatti di cronaca ne ho piene le scatole e la testa. Come tutti. Beh, alla fine per un motivo o per un altro gli ho dato la sua chanche e ho fatto bene.
Il paradiso di Zahra non è soltanto un buon racconto di fatti di cronaca Iraniani, è soprattutto (e questo è il punto interessante), una vera e propria “celebrazione della vita”. Non ci sono altre parole per descriverlo. Quindi, se non volete perdervi una stupenda storia di amore per il prossimo e per la vita, vi consiglio questa graphic novel stupenda. Edita da Rizzoli.